Stefano Montesi

La conoscenza scientifica sta raggiungendo attualmente livelli a dir poco inimmaginabili fino a qualche secolo fa e ciò rende l'uomo incapace di fronte alla mole di dati raccolti e di risultati raggiunti in quanto non in grado di gestirli autonomamente senza l'aiuto delle macchine. Sono proprio le stesse invenzioni dell'uomo a doverlo aiutare laddove egli non riesca e, come è stato per molti altri campi, anche in questo caso dovrà essere così; fino ad ora l'approccio algoritmico è riuscito a reggere l'impatto ma anche questo si dovrà arrendere a breve per lasciare il campo a meccanismi adattativi e auto-organizzanti. Si renderà inoltre sicuramente necessaria una collaborazione anche tra gli stessi ricercatori per poter comprendere ed analizzare i risultati di ogni giorno che superano la capacità cognitiva del singolo ricercatore. Per questo nel periodo del boom dei social network come facebook e twitter, nascono e si diffondono una buona quantità di social network dedicati alla ricerca scientifica dove i ricercatori e i comuni cittadini possono scambiare opinioni legate ai diversi ambiti del loro studio. Questo permette di allacciare collegamenti ed effettuare simil-partnership con persone che hanno gli stessi interessi o hanno raggiunto dei risultati utili al loro lavoro; tramite la descrizione del proprio lavoro e la pubblicazione di articoli di ogni livello gli utenti vengono a conoscenza della presenza di gruppi di lavoro già presenti nel globo che si occupano degli stessi obiettivi e possono facilitare il loro compito. La rete che è nata come mezzo per scambiare dati prosegue così il suo proposito collegando non più solamente persone qualsiasi, ma anche ricercatori e scienziati, e li coadiuva nel processo di condivisione della conoscenza oltre che nel processo della conoscenza stessa.

    

Dettagli tesi

Supervisione

(relatore)
Andrea Omicini

Tipo
Tesi di laurea

Stato
completata

Lingua
wit.gif

Date

(disponibile da)
12/10/2011
(iniziata il)
15/10/2011
(data di laurea)
20/12/2011

File

2008 © aliCE Research Group @ DEIS, Alma Mater Studiorum-Università di Bologna
0.2