Gli SPIME nell'Internet delle cose come combinazione di agenti e artefatti


Stefano Tamagnini

L'obiettivo di questa tesi è lo studio e l'implementazione di un sistema che permetta ad agenti di tipo BDI, di muoversi all'interno di mondi virtuali, possibilmente con la capacità di essere mobili tra i vari mondi e con la capacità di poter interagire anche con l'ambiente reale. Nello specifico si andrà a realizzare una estensione del progetto Wonderland, che permetta l'interazione con agenti descritti in AgentSpeak(L), che possano interagire all'interno del mondo virtuale con altri avatar che siano umani o meno. La mobilità di tali agenti sarà basata sull'infrastruttura Jade.

Tesi

Gli SPIME nell'Internet delle cose come combinazione di agenti e artefatti

— autore o autrice

Stefano Tamagnini

Supervisione

— relatore o relatrice

Andrea Omicini

Tipo

— livello

tesi di laurea magistrale

— stato

tesi completata

Date

— disponibile da

04/08/2009

— iniziata il

04/08/2009

— data di laurea

22/12/2009

Partita IVA: 01131710376 - Copyright © 2008-2022 APICe@DISI Research Group - PRIVACY