Regole relative all'esame

Si riportano qui di seguito le regole di svolgimento e di gestione degli esami. Ogni studente è tenuto a conoscerle. Per qualunque aspetto che esuli da quanto riportato si contatti il docente.

Aspetti generali

  • Durante l'arco dell'anno accademico ci saranno 6 appelli, 3 nella sessione invernale (Gen-Feb), 2 nella sessione estiva (Giu-Lug), e uno nella sessione Autunnale (Sett).
  • Non verranno effettuati altri appelli oltre a questi 6
  • Lo studente che partecipa ad un appello è tenuto a presentarsi preparato, e non semplicemente per tentare la fortuna. Nel caso uno studente fallisca due appelli consecutivi, potrà partecipare a quello successivo solo previo colloquio col docente a ricevimento.
  • Ogni appello consta di una parte pratica ed una teorica: in generale uno studente può svolgere le due prove anche in appelli diversi.
  • Prima di poter sostenere una prova teorica è necessario aver conseguito con valutazione positiva la prova pratica.
  • Per partecipare ad un esame è necessario iscriversi presso le liste AlmaEsami. Le liste chiudono circa 5-6 giorni prima dell'esame. Chi non si è iscritto non sarà ammesso all'esame, senza alcuna eccezione. Il sistema AlmaEsami è certificato e non perde traccia delle registrazioni, quindi lo studente è invitato a non contestare una sua eventuale assenza in lista, e quindi non si presenti all'esame se non è regolarmente iscritto.
  • L'esame è un momento amministrativo ufficiale, e come tale va affrontato con la dovuta serietà: di conseguenza, chi si iscrive ad un esame è tenuto a presentarsi. In particolare, si avverta il docente per tempo nel caso, una volta registratisi, non si possa sostenere l'esame per un contrattempo. Contestualmente, ci si cancelli anche dalla lista di iscrizione all'esame.

Prova pratica

  • La tipica struttura di una prova pratica (che può tuttavia subire variazioni) consta di 3 esercizi per una durata complessiva di 1.5/2 ore
  • L'esame è di programmazione e si svolge in laboratorio. La correzione di ogni esercizio avviene appena lo studente reputa di aver finito, e comunque se e solo se la funzionalità da realizzare soddisfa il test previsto per quell'esercizio
  • La prova risulta superata se due esercizi su tre sono svolti correttamente (esito positivo del test), e in tal caso si valuterà il terzo esercizio anche se parzialmente svolto.
  • All'esame non si potrà consultare alcun tipo di materiale
  • Il voto della prova pratica sarà noto alla fine dell'esame.

Prova teorica

  • La tipica struttura di una prova teorica (che può tuttavia subire variazioni) consta di domande a quiz per una durata complessiva di 35min circa.
  • In genere, si tratta di fornire 36 risposte (vero/falso/non so) relative a 9 domande raggrupate a gruppi di 4.
  • Le risposte giuste sono valutate +1, quelle sbagliate -1, e quelle non espresse 0, per un punteggio complessivo fra -36 e 36
  • Tale punteggio sarà anche il voto in 30-esimi della prova (limitato a 33, e considerato sufficiente se maggiore o uguale di 15)
  • All'esame non si potrà consultare alcun tipo di materiale

Prova orale

  • Facoltativamente, una volta che si ha conseguito con esito positivo sia il pratico che il teorico, è possibile sostenere una prova orale per migliorare eventualmente il voto dell'esame. Si contatti il docente per valutare questa possibilità
  • La prova orale è anche imposta dal docente in tutti i casi in cui lo reputi necessari per accertare la preparazione dello studente in caso di situazioni che richiedano una ulteriore verifica.

Registrazione ed altro

  • Il voto finale verrà composto arrotondando la media ponderata (60% - 40%) fra il voto del pratico e del teorico. Quando tale voto è sufficiente sarà possibile registrarlo.
  • La registrazione verrà effettuata senza appuntamento, nello studio del docente, durante l'orario di ricevimento in qualunque momento dell'anno. Si controlli il sito del docente per verificare tale orario, e se non ci sono variazioni dell'ultima ora.
  • Un voto valido, sia al pratico che al teorico, ha validità temporale di un anno, anche se si suggerisce caldamente di non far trascorrere troppo tempo nè tra il pratico e il teorico, nè dal conseguimento del voto utile alla sua registrazione.
  • Conseguito un voto valido, ad esempio al pratico (ma stesso discorso vale al teorico), è possibile tornare a migliorarlo al massimo una volta. Ossia, se il nuovo voto risulta peggiorativo si dovrà decidere se tenere definitivamente il voto precedente, o perderlo e ritentare. A tal scopo, ogni studente che torna a migliorare un voto è tenuto ad avvertire il docente con una mail prima dell'esame.
Tags:
    

Partita IVA: 01131710376 - Copyright © 2008-2021 APICe@DISI Research Group - PRIVACY