APICe » Theses » Modelli e piattaforme per la democrazia digitale: analisi e confronto

Modelli e piattaforme per la democrazia digitale: analisi e confronto 

Thomas Trapanese


Democrazia: etimologicamente significa "governo del popolo", una forma di governo nella quale il potere decisionale spetta al popolo.

L'idea di democrazia non è univoca, nel corso della storia ha trovato diverse modalità di applicazione tutte caratterizzate dalla ricerca della forma ideale capace di dare l'effettivo potere decisionale al popolo.

Generalmente siamo portati ad associare l'idea di democrazia ad una forma di governo, è certamente vero che molti governi nazionali implementino una loro forma democratica ma è anche vero che il concetto di democrazia è molto più vasto e può essere applicato in qualunque contesto in cui sia richiesto di prendere una decisione su un argomento.

Negli ultimi anni grazie all'avvento di internet, il concetto di democrazia si è evoluto ed ha portato alla nascita dei concetti di e-democracy (una forma di democrazia diretta esercitata attraverso l'ausilio di strumenti digitali) e democrazia fluida (un modello ibrido tra la democrazia diretta e quella rappresentativa). Entrambi questi concetti sono stati concretizzati in software che mirano a fornire gli strumenti per implementare una democrazia.

L'idea di democrazia ha innumerevoli forme e implementazioni ma, è possibile estrarre delle caratteristiche comuni? in altre parole, è possibile individuare un modello per le varie forme di democrazia?

Nel corso di questa trattazione cercherò di rispondere a questa domanda individuando le componenti essenziali di un modello democratico e valutandone le principali implementazioni. Farò anche un analisi dei principali software per l'e-democracy che valuterò sia dal punto di vista tecnico che democratico (analizzando quale modello implementino).


Andrea Omicini (Supervisor)