APICe » Theses » Gli SPIME nell'Internet delle cose come combinazione di agenti e artefatti

Gli SPIME nell'Internet delle cose come combinazione di agenti e artefatti 

Stefano Tamagnini


L'obiettivo di questa tesi è lo studio e l'implementazione di un sistema che permetta ad agenti di tipo BDI, di muoversi all'interno di mondi virtuali, possibilmente con la capacità di essere mobili tra i vari mondi e con la capacità di poter interagire anche con l'ambiente reale. Nello specifico si andrà a realizzare una estensione del progetto Wonderland, che permetta l'interazione con agenti descritti in AgentSpeak(L), che possano interagire all'interno del mondo virtuale con altri avatar che siano umani o meno. La mobilità di tali agenti sarà basata sull'infrastruttura Jade.


Andrea Omicini (Supervisor)