APICe » Theses » Tecnologie e framework per la programmazione multi-agente

Tecnologie e framework per la programmazione multi-agente 

Roberto Giuliani


Negli ultimi anni le tecnologie informatiche sono state al centro di uno sviluppo esponenziale. Fra le molteplici innovazioni, ha preso sempre più campo il paradigma per la programmazione ad agenti, che permette la realizzazione di sistemi software complessi, i quali, nell'informatica moderna, ricoprono un ruolo di fondamentale importanza. Questi sistemi, denominati autonomi, mostrano caratteristiche interessanti per scenari dinamici; essi infatti devono essere robusti e resistenti, in grado di adattarsi al contesto ambientale e quindi reagire a determinate modifiche che si verificano nell'ambiente, comportandosi di conseguenza. Indicano perciò la pro-attività dell’entità presa in considerazione. In questa tesi saranno spiegate queste tipologie di sistemi, introdotte le loro caratteristiche e mostrate le loro potenzialità. Tali caratteristiche permettono di responsabilizzare i soggetti, rendendo il sistema auto-organizzato, con una migliore scalabilità e modularità, riducendo quindi le elevate esigenze di calcolo. L’organizzazione di questo documento prevede i primi capitoli atti a introdurre il mondo dei sistemi autonomi, partendo dalle definizioni di autonomia e di agenti software, concludendo con i sistemi multi-agenti, allo scopo di permettere al lettore una comprensione adatta ed esaustiva. I successivi capitoli riguardano le fasi di progettazione delle entità prese in esame, le loro forme di standardizzazione e i modelli che possono adottare, tra i quali il più conosciuto, il modello BDI. Ne seguono due diverse metodologie per l’ingegneria del software orientata agli agenti. Si conclude con la presentazione dello stato dell’arte degli ambienti di sviluppo conosciuti, contenente un’esauriente introduzione ad ognuno di essi e una visione nel mondo del lavoro del loro apporto negli applicativi in commercio. La tesi termina infine con un capitolo di conclusioni e di riflessioni sui possibili aspetti futuri.


Andrea Omicini (Supervisor)
Stefano Mariani (Co-supervisors)