Courses » LsaLm1011

Laboratory of Systems and Applications (2010/2011)

Teachers

This course is meant to introduce the most advanced research issues in the areas of Informatics and ICT technologies. In this context, students are called to experiment by developing an individual project of their choice.

Calendar

  • Informazione, Codici e Segreti, Marco Chiani (19/4/2011, h. 10-13, Room A4, via Rasi e Spinelli 176, Cesena)
    • Introduzione alla Teoria dell'Informazione (Shannon): incertezza, informazione, entropia.
    • La compressione dati (codifica di sorgente).
    • Posso trasmettere a X bit/s? Il concetto di capacita' di canale.
    • Codici e segreti: sicurezza, crittografia e informazione.
  • The SAPERE European project, Mirko Viroli (10/5/2011, h. 10-13, Room A4, via Rasi e Spinelli 176, Cesena)
    We present the SAPERE European project, which is the focus of some researchers in Cesena. This will give the chance to introduce: (i) what is an European project, why it is important for students, and how they can contribute; (ii) what is Pervasive Computing and Self-Organization -- two key topics in SAPERE; (iii) what are relevant research challenges we altogether need to eventually address.
  • Boolean network robotics, Andrea Roli (17/5/2011, h. 10-13, Room A4, via Rasi e Spinelli 176, Cesena)
    Dynamical systems theory and complexity science provide powerful tools for analysing artificial agents and robots. Furthermore, they have been recently proposed also as a source of design principles and guidelines. Boolean networks are a prominent example of complex dynamical systems and they have been shown to effectively capture important phenomena in gene regulation. From an engineering perspective, these models are very compelling, because they can exhibit rich and complex behaviours, in spite of the compactness of their description. Boolean network robotics concerns the use of Boolean networks, and other models from complex systems science, as robot programs. The network that controls the robot is designed by means of an automatic procedure based on stochastic local search techniques. In this talk, the main concepts of this recent research line will be presented and the latest results achieved will be illustrated.
  • Bio-ICT convergence: filling the gap between computer science and biology, Sara Montagna (24/5/2011, h. 10-12, Room A4, via Rasi e Spinelli 176, Cesena)
    In between computer science and biology there are several disciplines that on one hand use models, techniques and tools devised in computer science for addressing biological questions, and on the other hand design and develop engineered system adopting the biological phenomena as a source of inspiration. Among the huge quantity of phenomena to be considered, the morphogenesis of live organisms owns interesting and complex characteristic: from a set of basic mechanisms the system is able to self-organise in robust spatial structures. Such an emergent behaviour makes the morphogenesis a very changeling case study for testing different computational methods so to give a contribution in its understanding and, at the same time, it is a rich source of inspiration for designing computational systems that must develop spatial self-organising properties.
  • Dimensionamento dei servizi CRM tramite tecniche di ottimizzazione combinatoria: un caso applicato, Angelo Gordini (Optit srl) (24/5/2011, h. 12-13, Room A4, via Rasi e Spinelli 176, Cesena)
    Una delle sfide che spesso si deve affrontare nella ricerca applicata è quella di tradurre un modello in un oggetto robusto e fruibile nel mondo reale anche da non "addetti ai lavori".
    Nel seminario verrà presentato un sistema software, volto al dimensionamento dei servizi CRM (Customer Relationship Management, sportelli cliente e call-center) ed attualmente operativo presso una primaria realtà del mondo Energy. Saranno brevemente descritti i modelli implementati per l'analisi e la previsione degli afflussi, il dimensionamento del personale necessario agli sportelli tramite tecniche di ottimizzazione combinatoria e di simulazione e le tecnologie utilizzate per ingegnerizzare questi modelli su scala enterprise e rendere fruibile il sistema tramite web.
  • Semantic and Fuzzy Coordination Through Programmable Tuple Spaces, Elena Nardini (31/5/2011, h. 10-13, Room A4, via Rasi e Spinelli 176, Cesena)
    In order to address open, distributed, and knowledge-intensive scenarios, a semantic- and fuzzy-oriented extension of the tuple centre coordination model is introduced.
    A testbed implementation of the semantic model in the TuCSoN infrastructure featuring the Pellet semantic reasoner is perfomed, and its performance is evaluated.
  • Dynamic Social Networks Modeling Trust, Shocks and Hype, Marco Cremonini (7/6/2011, h. 10-13, Room A4, via Rasi e Spinelli 176, Cesena)
    Il seminario tratta delle Dynamic Social Network presentando, nella prima parte, una panoramica della natura interdisciplinare dell'ambito di ricerca e, nella seconda, i risultati dell'attività svolta dal gruppo di ricerca presso il Dip. di Tecnologie dell'Informazione dell'Università degli Studi di Milano.
    Le proprietà dei sistemi che presentano una struttura di rete sono da lungo tempo studiate in diversi campi scientifici come la sociologia, la biologia, l'economia, la fisica, l'ingegneria e l'informatica.
    Molti gruppi di ricerca hanno modellato e analizzato diversi tipi di reti, ricavandone sia proprietà peculiari che comuni.
    Le social network sono una specifica tipologia che presenta caratteristiche distintive, in particolare legate al grado, entrante e uscente, dei nodi e all'indice di clustering.
    Oltre a queste caratteristiche tipiche della topologia delle social network, la ricerca ha approfondito aspetti quali la diffusione della conoscenza, il concetto di fiducia e la formazione di comunità che la dinamica di evoluzione, tipicamente non lineare, presenta.
    Il lavoro del gruppo di ricerca dell'Università degli Studi di Milano si è concentrato sulla definizione di un modello e la realizzazione di un simulatore per studiare la diffusione di informazioni all'interno di social network e analizzare gli effetti di comportamenti auto-organizzanti da parte del sistema o di singoli agenti.
    Nel corso del seminario verranno discussi i risultati ottenuti nell'ambito del lavoro che è tuttora in via di sviluppo e presentate le principali linee di ricerca future.

Projects